Doppietta  fucile semiautomatico a presa di gas  Fucile semiautomatico a canna rinculante  Fucile Semiautomatico a massa inerziale  Fucile Semiautomatico basculante  Sovrapposto "COSMI"  Fucile a pompa  Monocolpo basculante  Carabina basculante kipplauf  Carabina Bolt Action  Carabina Lever Action  Carabina Semiautomatica Fucili combinati, Drilling, Billing
 
La caccia e cacciatori fauna e selvaggina calibro 16 fucile da caccia caccia e selvaggina fucili e cartucce da caccia

Potenza della canna rigata  

     
 
Armerie Gestione ambientale
Racconti di caccia La caccia in cucina
Barzellette Veterinaria
Link sulla caccia Allevamento fauna
 
     
HOME PAGE | Cani da caccia | Fucili da caccia | Cartucce da caccia | Selvaggina | Balistica venatoria | Leggi sulla caccia | Fucili e cartucce per.. | Licenza di caccia | Azienda della settimana  |  Contatti

POTENZA DELLA CANNA RIGATA

balistica venatoria

 

Personalmente sono sempre stato incuriosito dal fatto che un proiettile di pochi grammi potesse essere in grado di raggiungere potenze di centinaia di chili, anzi chilogrammetri. Questa è infatti (esiste anche la misurazione in Joule e Foot per Pound) l’unità di misura che solitamente si utilizza per rappresentare la quantità di energia che una palla è in grado di raggiungere alle varie distanze. E’ tutto sommato facile calcolarla; è sufficiente conoscere la velocità del proiettile che, come vedremo è ciò che fa la differenza, ed il suo peso o meglio la sua massa. Per semplificare utilizzeremo l’unità di misura con cui noi europei abbiamo maggior dimestichezza: metri al secondo per la velocità e chili (chilogrammetri) per il peso, ecco la formula:

carabina Potenza della canna rigata

carabina Potenza della canna rigata

Abbiamo parlato di peso e massa, in realtà è il valore di quest’ultima che ci serve per operare correttamente e per ottenerla è sufficiente dividere il peso per un valore costante, che rappresenta l’accelerazione di gravità, che è pari a 9,8. Il valore 1000 inserito nella formula ci serve per trasformare i grammi del peso del proiettile in chili.

Ora andiamo al pratico e calcoliamo la quantità di energia alla bocca di qualche cartuccia confrontando un piccolo calibro con un grosso calibro e con il calibro 12 ad anima liscia,caricato a palla.

Cartuccia .243 Winchester (calibro 6 mm) con proiettile da 90 grani (5,8 grammi) alla velocità di 950 metri al secondo
E=(5,8/1000/9,8)/2 x 950 x 950 = 271 chilogrammetri

Cartuccia .460 Weatherby Magnum (calibro 11,6 mm) con un proiettile da 450 grani (29 grammi) alla velocità di 800 metri al secondo
E=(29/1000/9,8)/2 x 800 x 800 = 960 chilogrammetri

Cartuccia del calibro 12 ad anima liscia con palla da 29 grammi alla velocità di 400 metri al secondo
E=(29/1000/9,8)/2 x 400 x 400 = 240 chilogrammetri

carabina Potenza della canna rigataCome anticipato in premessa, l’alta velocità del proiettile rappresenta l’elemento preponderante per raggiungere alti valori di potenza. Se confrontiamo infatti la cartuccia del .243 con il calibro 12 noteremo che abbiamo una energia “simile”, pur maggiore nel piccolo calibro, generata da un proiettile 5 volte più leggero ma 2 volte e mezzo più veloce. Se poi confrontiamo ancora le prestazioni del proiettile del 460 Weatherby con quello del calibro 12 che, pur avendo pari peso, è spinto da una velocità doppia, notiamo che il valore che rappresenta l’energia è vicino alla tonnellata.

Ma che significa dire, all’atto pratico, cioè sul campo di caccia, quando ci troviamo di fronte alla nostra preda e gli scarichiamo addosso tutta la potenza del nostro fucile o carabina, che un proiettile ha una tonnellata di energia piuttosto che “appena” 240 chilogrammetri? Realmente la nostra preda riceve tutta questa potenza?

carabina Potenza della canna rigataA costo di deludere qualcuno, la risposta è no e per provarlo torniamo un attimo a valutare qualche ulteriore a spetto teorico. In teoria appunto, dire che il nostro proiettile possiede 240 chilogrammetri di energia significa che esso è in grado di spostare di un metro un peso di 240 chili (pari a quello di un cinghiale più che grosso) oppure, facendo le debite proporzioni, spostare di 240 metri un peso di 1 chilo. Tutto ciò però in assenza di gravità, quindi nel vuoto, senza considerare il fattore tempo, e l’attrito. In pratica il proiettile che con tale energia dovesse colpire un blocco di metallo di 240 chili non lo sposterebbe affatto andando a disperdere la propria energia in vari elementi quali per esempio la deformazione, il calore generato all’impatto, la resistenza all’attrito del blocco di metallo etc.

Per concludere, il parametro energia è senz’altro utile per capire quanta potenza è teoricamente in grado di esprimere la nostra cartuccia, ma i fattori che contribuiscono a fermare un animale sul posto rendendolo inoffensivo, cosidetto stopping power o ad ucciderlo all’istante, killing power, sono molteplici e saranno oggetto della prossima puntata dedicate alla CAPACITA’ LESIVA DI UN PROIETTILE.

Il seguente articolo è stato redatto a cura di Fabio Zuccaccia titolare di Ars Venandi Video

 

Archivio balistica>>

 

Aziende e Associazioni per la CACCIA

armi munizioni  abbigliamento  calzature 
accessori caccia e tiro accessori armi  accessori selvaggina buffetteria
coltelleria ottiche allevamenti cani allevamenti selvaggina
igiene e salute del cane arte e caccia gadget falconeria
arceria video di caccia eventi e manifestazioni ag. viaggi venatori
riserve per la caccia privata riserve di caccia estere addestratori associazioni venatorie
ass. e club cinofili            
 

Diana
Sentieri di caccia
Cacciare a palla
Armi Magazine
Coltelli
Cinghiale International
Beccacce che passione
Lame d'autore
Cani da ferma e da cerca
Cani da seguita
 

Cinofilia e caccia

 

 
LA DOPPIETTA è un marchio: Fierashop S.r.l. Piazza Libertà 26 - 06061 Castiglione del Lago (PG) - P. IVA 02968460549
Per informazioni scrivere a: wm@ladoppietta.it