fucile semiauto da caccia - LaDoppietta

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL SEMIAUTOMATICO DA CACCIA
La storia dell'artigianato armiero è ricca di tentativi volti ad accrescere la capacità di fuoco delle armi da caccia: Mentre da un lato si andava verso la realizzazione di armi in calibri maggiori (limitati però dalla pesantezza delle armi) dall'altra si andava alla ricerca dell'aumento del volume di fuoco attraverso la possibilità di dotare il fucile di un numero di colpi superiori ai due forniti da doppietta e sovrapposto.

La ricerca fu portata avanti in maniera magnifica da John Moses Browning che nei primi anni del secolo mise a punto un meccanismo di ripetizione che permetteva a seguito dell'esplosione del colpo, l'espulsione del bossolo sparato e il riarmo automatico con le cartucce alloggiate all'interno del poggiamano. Era nato il fucile semi automatico da caccia.

Molti cacciatori sono abituati a chiamarlo fucile automatico e non semi automatico ma l'errore di dizione corrisponde ad un errore di concetto:
  • è automatico il mitra nel quale se si mantiene premuto il grilletto l'arma continua a sparare a raffica;
  • è semi automatico il fucile nel quale ad ogni colpo occorre lasciare il grilletto e poi ritirarlo. Se si tiene premuto il colpo successivo non parte.

Il fucile semiautomatico è un arma che si presta alla industrializzazione dei processi e la maggior parte delle case armiere nazionali ed internazionali ne producono varie versioni (Beretta, Franchi, Benelli, Breda, Browning, Regminton, Marocchi, Fabarms, Winchester).
La possibilità di realizzare un processo industriale ha fatto del semi   automatico un ottimo fucile abbordabile per prezzo e con il vantaggio di avere in rapida successione tre colpi.

Il fucile semiautomatico non è esente da difetti:
  • in passato alcuni brevetti hanno dato problemi di inceppamento del meccanismo di ricarica o di espulsione ma allo stato attuale questi problemi sono superati;
  • la sequenza di sparo delle cartucce rispetta l'ordine con cui sono state inserite nella camera di scoppio e nel serbatoio e non è possibile sceglierle al momento dello sparo la cartuccia adeguata come nella doppietta o nel sovrapposto.

La lunga storia della ricerca legata al fucile semiautomatico ha prodotto una serie di cinematismi diversi che possono essere riassunti in:






 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu