fauna selvatica capriolo caccia di selezione - LaDoppietta

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL CAPRIOLO

Classe Mammiferi
Ordine Artiodattili
Famiglia Cervidi
Nome scientifico Capreolus capreolus L.

caprioloDistribuzione del  Capriolo

caprioloIl capriolo è diffuso in tutta Europa con l'eccezione delle isole. In Italia è presente sulle Alpi e sull'Appennino.

Caratteri distintivi del   Capriolo

Lunghezza testa-corpo 90-135 cm. coda 2-3 cm. altezza al garrese cm. 65-75. Il capriolo ha struttura corporea slanciata, tipica del saltatore con groppa più alta del garrese. Ha sensi molto sensibili in particolare udito e vista.

Durante l'estate il capriolo ha mantello di color rossiccio con aree inferiori più chiare, il mantello invernale ha tonalità più tendenti al grigio. Le corna sono presenti solo nei maschi, costituite da tre stanghe con tre punte ciascuna. Nei soggetti adulti e vigorosi il peso dei palchi è di 400-500 gr. Il numero dei palchi non aumenta mai più di tre, raramente quattro.

Le corna del capriolo cadono tutti gli anni in novembre dicembre e la loro rinascita inizia di nuovo in febbraio marzo. La maturità sessuale è raggiunta a circa 12 mesi. Normalmente la vita è di circa 15 anni.   

Habitat del   Capriolo

L'habitat ideale del   capriolo è la foresta di latifoglie, ricca di sottobosco, intramezzate da radure e pascoli. Le esigenze alimentari sono elevate ma il capriolo è fortemente territoriale per cui se l'ambiente scelto non è ricco di pastura lo abbandona.

A differenza di cervo e daino il capriolo è un brucatore, cioè un animale che sceglie accuratamente le parti migliori della pastura.    

Biologia del   Capriolo

Il maschio adulto delimita il territorio sfregando i cespugli e marcandolo con la secrezione delle ghiandole sebacee dei palchi. Il territorio delimitato può andare da 5 fino a 30 ettari a seconda delle zone. Le femmine vanno in calore nel mese di luglio e l'accoppiamento ha luogo all'interno del territorio dl maschio.

Dopo l'accoppiamento le femmine di capriolo rientrano nel loro nucleo famigliare mentre il maschio rimane solo. Avvicinandosi al parto la femmina di capriolo allontana gli altri componenti il nucleo famigliare appresta un rudimentale giaciglio dove avviene il parto. I piccoli rimangono per qualche tempo nel giaciglio.   

Alimentazione del   Capriolo

Il capriolo,  utilizza essenze vegetali quali leguminose, e foraggiere graminacee. Utilizza anche apici di frassino, carpino, nocciolo, acero. In inverno si nutre anche di ghiande, lamponi, funghi, castagne.
LINK ALLE SPECIE ANIMALI

Mammiferi:
Cinghiale
Cervo
Capriolo
Daino
Muflone
Volpe
Lepre
Uccelli:
Germano Reale
Marzaiola
Codone
Fischione
Mestolone
Canapiglia
Alzavola
Moretta
Moriglione
Pavoncella
Piviere dorato
Beccaccia
Beccaccino
Frullino
Chiurlo
Pittima reale
Pittima minore
Pettegola
Combattente
Colombaccio
Tortora
Gallo Cedrone
Gallo forcello o fagiano di monte
Pernice Bianca
Francolino di Monte
Fagiano
Starna
Pernice Rossa
Coturnice
Pernice Sarda
Quaglia
Colino della Virginia
Tordo Bottaccio
Tordo Sassello
Cesena
Merlo
Storno
Fringuello
Peppola
Taccola
Corvo
Cornacchia
Cornacchia grigia
Ghiandaia
Gazza
Porciglione
Gallinella d'acqua
Folaga

Quanto ne sai della salute del tuo cane??? Ecco l'occasione per imparare di più!!

Manuale Pratico di Veterinaria VenatoriaIl Manuale Pratico di Veterinaria Venatoria è stato scritto al fine di essere un utile strumento per il cacciatore sia nella cura quotidiana del proprio cane, sia nella gestione delle piccole e grandi emergenze che possono accadere al proprio ausiliare nella usuale pratica venatoria.

Un manuale snello, intuitivo, di facile e rapida consultazione che permetterà di approfondire la conoscenza del proprio animale, per alimentarlo correttamente, seguirne la gravidanza e il parto, effettuare la predisposizione del canile, affrontare l'attività venatoria e i cambi di stagione.

E poi tutto quello che un proprietario deve sapere sulle malattie più comuni, su incidenti come ferire e fratture, insidie quali il caldo e i forasacchi. Foto e attente descrizioni ci guideranno passo passo nelle piccole operazioni mediche come effettuare correttamente un'iniezione o somministrare una compressa..

Scritto da un veterinario che vive e lavora con i cani da caccia, questo manuale è destinato a tutti coloro che, in modo semplice e pratico, vogliono potersi accostare alle esigenze dell'animale in modo più sereno e competente, senza mai dimenticare che, ovviamente, il proprio veterinario di fiducia deve restare sempre, e in ogni caso, il primo riferimento.


PUOI ACQUISTARLO
ADESSO SU





 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu