fauna selvatica cinghiale - LaDoppietta

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL CINGHIALE

Classe Mammiferi
Ordine Artiodattili
Famiglia Suidi
Nome scientifico Sus scrofa L.

Distribuzione del Cinghiale

cinghialeIl cinghiale è presente in Europa, Asia, Africa del nord. In Italia è presente con alcune sottospecie, alcune tipiche presenti in maremma e nel gargano altre immesse che hanno inevitabilmente inquinato il patrimonio genetico delle sottospecie autoctone.

Caratteri distintivi del Cinghiale

Nel cinghiale la lunghezza testa-corpo è di 100-150 cm. coda 12-20 cm. altezza al garrese 60-90 cm. Il peso nel maschio 45-180 kg. nella femmina 30-150 kg.     

Il cinghiale è un animale di grandi dimensioni, con un corpo massiccio che presenta un treno anteriore più sviluppato del posteriore. Il cinghiale ha testa grande con forma di cuneo culminante con il caratteristico grifo. La pelliccia è folta e di colore bruno uniforme; le femmina ha 12 mammelle addominali. Nel maschio i canini si sviluppano con una lunghezza anche di 10 cm.

Habitat del Cinghiale

Il cinghiale è un selvatico tipico forestale, ma è diventato una specie generica adattandosi a tutti gli ambienti purché gli stessi soddisfino le sue esigenze di cibo e siano presenti zone acquitrinose.

Biologia del Cinghiale

Nel cinghiale l'unità fondamentale è costituita dalla scrofa e dai sui cuccioli e il gruppo così costituito ha una solida gerarchia di pascolo.   

Il maschio "solengo" conduce vita solitaria e a volte accetta la compagnia di qualcun altro. All'epoca dei calori i maschi creano un'area di influenza spartendosi le femmine. Dopo l'accoppiamento la gestazione si protrae per 16-18 settimane e nell'imminenza del parto la femmina si ritira in un'area isolata.

Dopo il parto per circa due settimane la femmina del   cinghiale e i cuccioli rimangono nel covo. Il periodo dell'allattamento dura fino ai 3 mesi mentre la completa emancipazione si ha nella primavera successiva. Nel cinghiale la maturità sessuale si raggiunge dopo circa 10 mesi. I maschi raggiungono la possibilità di riprodursi verso i 4 anni. La vita in natura dura dai 15 ai 20 anni.

Alimentazione del Cinghiale

Il cinghiale ha regime alimentare quanto mai vario, ma essendo monogastrico si nutre di alimenti ad elevato valore nutritivo. Con il suo grifo usato a mo di aratro riesce ad estrarre i tuberi dal suolo. Si ciba di frutti selvatici, tuberi, rizomi, ghiande, castagne, foraggiere, funghi, noci, insetti, rettili, larve. selvatici, tuberi, rizomi, ghiande, castagne, foraggiere, funghi, noci, insetti, rettili, larve, pulcini e leprotti.
LINK ALLE SPECIE ANIMALI

Mammiferi:
Cinghiale
Cervo
Capriolo
Daino
Muflone
Volpe
Lepre
Uccelli:
Germano Reale
Marzaiola
Codone
Fischione
Mestolone
Canapiglia
Alzavola
Moretta
Moriglione
Pavoncella
Piviere dorato
Beccaccia
Beccaccino
Frullino
Chiurlo
Pittima reale
Pittima minore
Pettegola
Combattente
Colombaccio
Tortora
Gallo Cedrone
Gallo forcello o fagiano di monte
Pernice Bianca
Francolino di Monte
Fagiano
Starna
Pernice Rossa
Coturnice
Pernice Sarda
Quaglia
Colino della Virginia
Tordo Bottaccio
Tordo Sassello
Cesena
Merlo
Storno
Fringuello
Peppola
Taccola
Corvo
Cornacchia
Cornacchia grigia
Ghiandaia
Gazza
Porciglione
Gallinella d'acqua
Folaga

Quanto ne sai della salute del tuo cane??? Ecco l'occasione per imparare di più!!

Manuale Pratico di Veterinaria VenatoriaIl Manuale Pratico di Veterinaria Venatoria è stato scritto al fine di essere un utile strumento per il cacciatore sia nella cura quotidiana del proprio cane, sia nella gestione delle piccole e grandi emergenze che possono accadere al proprio ausiliare nella usuale pratica venatoria.

Un manuale snello, intuitivo, di facile e rapida consultazione che permetterà di approfondire la conoscenza del proprio animale, per alimentarlo correttamente, seguirne la gravidanza e il parto, effettuare la predisposizione del canile, affrontare l'attività venatoria e i cambi di stagione.

E poi tutto quello che un proprietario deve sapere sulle malattie più comuni, su incidenti come ferire e fratture, insidie quali il caldo e i forasacchi. Foto e attente descrizioni ci guideranno passo passo nelle piccole operazioni mediche come effettuare correttamente un'iniezione o somministrare una compressa..

Scritto da un veterinario che vive e lavora con i cani da caccia, questo manuale è destinato a tutti coloro che, in modo semplice e pratico, vogliono potersi accostare alle esigenze dell'animale in modo più sereno e competente, senza mai dimenticare che, ovviamente, il proprio veterinario di fiducia deve restare sempre, e in ogni caso, il primo riferimento.


PUOI ACQUISTARLO
ADESSO SU





 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu